Home / Salute / Riconoscere il diabete mellito, informazioni utili
come riconoscere il diabete mellito

Riconoscere il diabete mellito, informazioni utili

Nell’ultimo decennio i casi di diabete sono notevolmente aumentati nella popolazione mondiale. Tanti possono essere i fattori che hanno causato la maggiore incidenza della patologia, tra questi di sicuro la poca attività fisica, l’alimentazione errata e l’aumento dello stress.

Non è un caso che sempre più giovani e adulti abbiano contratto questa patologia cronica causata da un malfunzionamento del pancreas, l’organo che regola i livelli di zucchero nel sangue grazie alla produzione di due ormoni: l’insulina e il glucagone.

In questo articolo parleremo unicamente del diabete mellito, detto anche diabete di tipo I, ovvero quello che si contrae in età giovanile e che comporta la totale perdita della capacità di produrre insulina.

Perché si diventa diabetici?

Come abbiamo detto in precedenza, gli studiosi hanno individuato dei fattori che potrebbero generare una maggiore incidenza del diabete nella popolazione mondiale.

Le cause quindi sono molteplici ma non si limitano alla presenza di comportamenti errati da parte dell’essere umano, esistono anche dei fattori genetici che influiscono sulla contrazione della malattia.

Da uno studio scientifico che ha fatto scuola si è dimostrato che il patrimonio genetico influisce sulla malattia ma non c’è una diretta trasmissione ereditaria. Infatti nel caso di due gemelli omozigote con padre diabetico si è riscontrato che soltanto uno dei due abbia contratto il diabete, mentre l’altro non ha ricevuto la patologia in questione.

Come funziona il pancreas di un diabetico

Cosa succede nel pancreas di una persona affetta da diabete?

Prima di tutto il pancreas di un diabetico non produce insulina, ovvero l’ormone che agisce in caso di aumento del livello di glucosio nel sangue al fine di riportare i valori nelle giuste soglie (60-110 mg/dl a digiuno).

Inoltre nel pancreas di una persona affetta da diabete non funziona neanche l’ormone opposto all’insulina, ovvero il glucagone. Il glucagone è l’ormone che agisce, in condizioni normali, per aumentare il livello di glucosio nel sangue quando questo sta diminuendo in maniera significativa.

Cosa succede quando il pancreas smette di funzionare?

Purtroppo non sappiamo darvi una risposta sulle cause del diabete ma sappiamo cosa succede quando il pancreas smette di funzionare.

Da studi scientifici è emerso che in un certo momento, senza una motivazione precisa, le cellule pancreatiche (le cosiddette cellule beta) smettono di funzionare e non riconoscono più l’organo di riferimento, il pancreas.

Questo porta a un corto circuito ormonale che azzera la produzione di insulina e di glucagone, costringendo il soggetto colpito a iniettarsi esternamente le dosi necessarie di insulina e (raramente) di glucagone.

Quali sono i sintomi del diabete?

E’ importante riconoscere nell’immediato i sintomi del diabete mellito, se ignorati infatti, questi possono portare a pericolosi scompensi del fisico e, nei casi più gravi, a coma e morte.

Stiamo parlando di ipotesi remote e causate da una prolungata trascuratezza dei sintomi di seguito indicati.

Ecco i sintomi più comuni del diabete mellito:

  • sete insaziabile;
  • diminuzione del senso di fame;
  • dimagrimento;
  • urinare di frequente;
  • secchezza di pelle e mucose;
  • ricerca continua di dolci e zuccheri.

Per maggiori approfondimenti ti consigliamo di contattare un medico di base ed eventualmente svolgere un test glicemico presso la farmacia più vicina: bastano una goccia di sangue e pochi secondi del tuo tempo per avere una risposta esaustiva).

Check Also

Il green pass spiegato in parole semplici

L’estate è sempre più vicina e una domanda diventa sempre più frequente: “Potremo fare le …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *